giovedì, maggio 18, 2006

Vita bassa

O lettore di poche parole, spero di non averti stancato con una storia tanto noiosa. Da oggi si cambia registro e si cambiano gli argomenti. Si comincia con argomenti profondi e un po' seriosi.

Ho avuto modo di riflettere a lungo a proposito di un fenomeno che trovo eccezionale a dire poco.
Si tratta di un cambiamento radicale del modo di vivere che accomuna sostanzialmente tutta la popolazione femminile esistente. E la cosa è notevole. Se ci pensate bene è il sogno comuista che si avvera. L'uguaglianza sostanziale raggiunta.
Tutto questo grazie al pantalone a vita bassa.
Lo portano tutte. Fanciulle rotondette e basse, bambine magrissime e senza culo, signore di 50 anni, veri e propri ippopotami da spiaggia. Tutte portano i pantaloni a vita talmente bassa da dover innagurare un nuovo tipo di depilazione inguinale. Inevitabilmente diventano di gran moda le mutande a vita bassa o, in alternativa, le mutande a vita alta ma in gran vista (da qui l'eterno dubbio: è più volgare che si veda il filo di perizoma o il solco del sedere?).
Esistono ovviamente due scuole di pensiero su come si porta la vita bassa:
a) Modello me ne fotto: la fanciulla mostra abbondanti porzioni di chiappe, incurante delle reazioni altrui.
b) Modello passo la giornata a tirarmi su le braghe: la fanciulla acquista un movimento meccanico, costante, per il quale è costretta, ogni 23 secondi circa, a tirare su i pantaloni. L'atro gesto obbligatorio è quello dell'occhiata torva alle proprie spalle (del tipo: "cazzo mi guardi il culo!").

Ma torniamo al tema centrale della discussione, la pressoché totale diffusione di questo indumento. Non aveva raggiunto tali livelli la minigonna, per dire, che molte donne non hanno praticamente mai portato perché poco sicure delle proprie gambe (a volte a ragione, a volte no). La vita bassa invece è di tutte. Nessuna sembra curarsi troppo dello splendore delle proprie chiappe. Lo trovo un grande passo avanti nell'emancipazione femminile. E un grande passo avanti per l'umanità.
m.

15 commenti:

  1. quelle che si allineano con la seconda scuola di pensiero sono ridicole,già che ti sei messa i pantaloni a vita bassa,almeno lascia fottere!

    RispondiElimina
  2. Ottimo, immerdati così eventuali strali femminili sapranno verso chi direzionarsi.

    RispondiElimina
  3. Sai che per una volta sono pienamente d'accordo a metà col mister?

    RispondiElimina
  4. Ecco bravi, immerdatevi in due.

    RispondiElimina
  5. Pensa che bello quando ci sarà la moda dei jeans a vita bassa da uomo. Migliaia di tappetini di muschio che si arrampicano sul fondo schiena sbucando dalla fascia del boxer marcato Dolce e Gabbana. Immagina che meraviglia vedere una ragazza che mentre abbraccia il suo lui si trastulla con i peletti.

    RispondiElimina
  6. eccomi...ritorno e dico...se non ti ricordi di me sicuramente ti ricordi il mio sorriso...quello posteriore!!!
    questo pezzo sulla vita bassa mi fa dedurre che te lo ricordi...AH, chiaramente faccio parte del gruppo A...ma lo sai bene!!!

    RispondiElimina
  7. spuffy! ma dagliela su, non si ricorda.

    RispondiElimina
  8. Ecco, ci mancava giusto un marsupiale nel serraglio

    RispondiElimina
  9. ehi woland,perchè hai tolto la chat?
    per il prox:ignorante caprone,mi hanno detto che ogni tanto(...)visiti il blog,ma lo vogliamo lasciare un commento?

    RispondiElimina
  10. perché apriva dei fastidiosi pop up e perché non se la fumava niuno

    RispondiElimina
  11. Comunque il prox è un pezzo che non viene sul blog, lo so per certo.

    RispondiElimina
  12. vabbè, la solita ipocrisia femminile di metterti in faccia la mercanzia e poi fare la suora. Se fai vedere 10 cm di inguine, poi minimo la devi offrire in giro. Qui lo dico e qui lo nego e ovviamente non mi sento chiamata in causa. Ciao Sgodevolone!!

    RispondiElimina
  13. Come avrete capito, abbiamo un nuovo ospite.
    Nuovo, si fa poi per dire.

    RispondiElimina
  14. benvenuta Lix,sono sicuro che la tua presenza nel blog non sarà di passaggio(e lo dico in simpatia,almeno una che scrive...)

    RispondiElimina