mercoledì, giugno 21, 2006

Federazione Farmacisti

Saranno ormai un paio di mesi che sui principali quotidiani nazionali compaiono accorati inviti da parte di Federfarma. I farmacisti sono molto preoccupati dalla recente proposta del codacons che vorrebbe che i farmaci “da banco” fossero acquistabili anche nei supermercati. Non parliamo di trafiletti, parliamo di pagine intere acquistate dalla categoria, che spiegano con dettaglio lo scandalo di un cambiamento di questo tipo. In breve, ci viene ricordato che il farmacista ha grande esperienza e non è lì solo per vendere medicine quanto, piuttosto, per prendersi cura della nostra salute. Il farmacista è uno che ha studiato ed è uno che vende roba preziosa e pericolosa, non frutta e verdura! Il farmacista si interessa a te, è “il tuo farmacista”! Non possiamo lasciare la salute del cittadino tra gli scaffali dell’Esselunga!
AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!
Entro in una farmacia. Per prima cosa trovo un eliminacode. Anzi, ne trovo tre perché questa farmacia ha tre ‘banchi’. Il banco farmaci, il banco prodotti per bambini, il banco erboristeria. Ognuno con il suo quadrato numerato che scatta al suono familiare del beeep. “QUARANTAQUATTROOOOO!”
“Salve, avrei un etto di emorroidi e due etti di raffreddore”
“Le ho fatto tre scatole di Zerinol signora, che faccio lascio?”
Strappo il mio numero e mi guardo intorno. In quel momento una ragazza in camice bianco esce dal retro spingendo un carrello pieno di dentifrici, preservativi, creme anticellulite e si mette a riempire uno scaffale. Dietro il bancone quattro esperti farmacisti chiamano numeri, somministrano cure, incassano grano. A macchinetta, non si fermano mai.
Mi fermo io, ad ascoltare il 53. Ha fatto l’errore di chiedere un consiglio all’esperto farmacista. Oddio, è la tua occasione, penso. Finalmente puoi uscire dal guscio, getta la maschera da cassiera e dimostraci che non hai speso 10mila euro in tasse universitarie per l’anima del cazzo. Vai, amico, so che puoi stupire la signora e fare il suo bene.
Macché. Squaderna il flyer di un’azienda farmaceutica e presenta 75 opzioni. La signora insiste, accenna a descrivere i suoi mali. L’altro la guarda come se gli stesse parlando di baseball (schifato, ovviamente, avete mai guardato il baseball?). “Signora, veda lei, io non so che dire”. La signora si arrende e telefona al marito. Io me lo immagino il marito. Magari fa l’idraulico e gli tocca dire alla moglie se sono meglio le compresse del stocazzofen o il cojonexotan in bustine. Il responso arriva da casa. Il farmacista è contento e impacchetta. “Sono 31 euro e 50”. Bravissimo.
E’ il mio turno, se Dio vuole tra poco sarò fuori da questo tempio della sapienza medica. La prova non è finita però. Alzo lo sguardo, ecco un cartello, fantastico: “Sconto del 10% su tutti i medicinali esposti su questo scaffale”. Ma come, perché c’è qualcuno che compra le medicine in base all’offerta?
Guarda cara, c’è in offerta lo Xanax, non possiamo lasciarci sfuggire l’occasione!
E poi? A novembre cosa facciamo, vendiamo gli antistaminici a metà prezzo perché sono fuori moda?
Ho avuto quello che cercavo, scarto il reparto giochi sani per bambini, supero le creme antiinvecchiamento e il banco frigo (ah sì, c’è anche il banco frigo, pieno di prodotti dietetici surgelati) e finalmente sono fuori.
Bah, cari farmacisti, ho idea che la prossima volta l’aspirina me la compro al supermercato insieme alla ciccia della grigliata.

16 commenti:

  1. E' un po' di tempo che mi trovo pienamente d'accordo con te. Starò mica male? Comunque colgo l'occasione per comunicare a tutti che ho tolto la fasciatura al naso rotto. Perchè di frattura composta delle ossa nasali si tratta. Secondo la dottoressa non potrei mettere gli occhiali (da vista o da sole) per 2 mesi. Che faccio? Vado in farmacia a farmi dare due consigli?

    RispondiElimina
  2. Andate a fare in culo ebrei comunisti!voi e la vostra ironia da giudei insoddisfatti.

    RispondiElimina
  3. non so voi ma io penso di conoscere chi ha scritto l'ultimo messaggio.

    RispondiElimina
  4. caro cagnonen, sarà un problema non portare gli occhiali per te.
    ora che ci penso non credo di ricordarti nemmeno con gli occhiali da sole.
    come è andata l'immersione?

    RispondiElimina
  5. farma-cisti sucks!!!!

    RispondiElimina
  6. Niccolò Stanzani Maserati12:19 PM, giugno 22, 2006

    ma chi è quel gran signore che,con ironia pungente,ha lasciato il post anonimo? personalmente non ho proprio idea,però è stato molto spiritoso,complimenti "amico" mio!

    RispondiElimina
  7. Oh ma chi è che ha scritto tutto sto raccontino che fa più o meno ridere come i film di pierino e con un livello culturale pietoso?
    Ma che percaso hai almeno una laurea per criticare dei professionisti laureati? E perchè non abolire anche notai e commercialisti? che ti frega devi fare un rogito o pagare un F24 vai alla cassa dello shopville ed avrai un ottima commessa che ti ta tutto in men che non si dica: non dico che ti faccia anche gli occhi dolci perchè sei risaputamente uno sfigato che non fa una figa neanche a morire, nemmeno se le poverette (si perchè si tratta di ragazze affette da problemi psichici/ninfomania)te la mettono in faccia come si dice sia già successo...
    Ma chi cazzo sei il luttazzi/beppe grillo dei poveri?
    Non fai ridere, sei ignorante, sicuramente fai figa più o meno pari a zero...ma facci il piacere: ti rendi conto di essere un perdente della vita che si incazza con gli altri solo perchè lavorano, guadagnano e sono ripsettabili porfessionisti, a differenza di te che sei una emerita nullità! ma dicci che lavoro nobile ed importante fai e che titolo di studio hai per essere così superiore da esprimere giudizi su cosa di cui non hai la minima idea?
    Fai così, vai al bar parlare con quaclche vecchio affetto da demenza senile loro magari ti ascolatano e forse (e dico forse ti danno pure ragione). Anzi ti consiglio un paio di frasi per far colpo: "I politici sono tutti ladri" "non c'è più la mezza stagione" "perchè agli anziani non ci pensa nessuno (questa sta particolarmente bene con la storia dei ricchi farmacisti che rubano i soldi ai poveri cittadini)", "I giovani non hanno più rispetto".
    Ora vai e divertiti e soprattutto fai anche un paio di scuole serali, che magari, la licenza elementare la prendi.
    Mi piaciono quelli che nella vita non hanno mai concluso una mazza che poi si atteggiano a censori, senza però avere glia argomenti oggettivi per supportare le loro idee: risultato provano a mascherare le loro idee carenti con battute ed ironia. Ovviamente pietose vista la loro pochezza culturale.
    In altre parole pietoso.

    RispondiElimina
  8. niccolo stanzani maserati3:58 PM, giugno 22, 2006

    caro sig.nessuno (ma un nome ce l'hai per caso?),pensandoci bene un'idea su chi tu possa essere mi è balenata alla mente,ma poichè non ho la tua stessa volgare arroganza,avrei piacere che fossi tu a dire a tutti chi sei oppure ti vergogni?
    il modo estremamente ignorante,per non dire peggio,con cui hai inteso rispondere all'amministratore di questo blog (che da vero signore non ha voluto porsi sul tuo stesso,squallido,piano e non certo per mancanza di argomenti o di capacità)mi fa capire due cose:
    - sei un farmacista o un tuo parente stretto lo è (oppure tutti e due lo siete)
    - woland ha colpito nel segno e tu hai reagito come fanno quasi tutte le persone deboli e prive di idee quando non sanno cosa dire se qualcuno li critica,vale a dire passando alle offese personali,bravissimo!
    del resto,voglio anche rispondere a quel poco di merito e contenuto che,maldestramente,hai provato a scrivere nel tuo breve delirio. non dico che abolirei notai e commercialisti (come woland non ha detto che vorrebbe abolire i farmacisti,poverini),ma è fuor di dubbio che alcuna parte della loro attività potrebbe essere cambiata,con un notevole sgravio economico per tutte quelle persone costrette a rivolgersi a questi emeriti professionisti laureati perchè così vuole la legge (una bella autocertificazione con controllo a posteriori no?).
    quanto poi ai farmacisti,è ormai passata l'epoca in cui ti confezionavano le medicine sul momento e gran parte della loro attività (effettivamente non tutta) si è ridotta a quella propria di qualsiasi altro esercizio commerciale.
    SALUTONI!
    p.s. quanto scritto vale a titolo strettamente personale e senza pretesa di assumere la difesa di nessuno

    RispondiElimina
  9. anonimo, mi fanno una tristezza infinita quelli che si scaldano tanto per delle cazzate e che non hanno neanche le palle di firmarsi.
    Poretto te!

    RispondiElimina
  10. Ma si, facciamo come in america: medicine al supermercato e pure le armi...sti cazzo di armaioli iperprotetti dallo stato. Aboliamo le regole in un paese come l'Italia: risultato garantito!

    RispondiElimina
  11. Ma parli ancora? Insulti la gente e non hai nenanche il coraggio di far vedere la tua faccia?

    Comunque, nenache a farlo apposta.

    Il Resto del Carlino del 17 giugno scorso. Bologna.


    MALASANITA'
    Vende farmaci scaduti, farmacista denunciata. Guai anche un medico di base per non aver compilato la ricetta. Il dottore dovrà rispondere di falsità materiale
    da pubblico ufficiale in atti pubblici

    BOLOGNA, 17 giugno 2006 - Una farmacista di 54anni è stata denunciata ieri dalla polizia di Bologna per commercio e somministrazione di medicinali guasti, mentre un medico di 38 anni dovrà rispondere di falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici. È accaduto in una farmacia di via Pirandello, in zona Pilastro. A chiamare il 113 è stata una donna di 42 anni che aveva chiesto a un suo conoscente di acquistarle un farmaco contro la gastrite. Ma quando l'uomo
    è tornato a casa la signora ha scoperto che la medicina era scaduta da sei mesi e che aveva un dosaggio maggiore rispetto a quello che prende di solito. A quel punto si è presentata in farmacia chiedendo spiegazioni. La farmacista le ha
    risposto di non preoccuparsi e di prendere ugualmente la medicina che avrebbe fatto lo stesso la sua azione. La cliente ha però preteso la sostituzione e al diniego della dottoressa ha chiamato la polizia.
    Dato che il farmaco si acquista con ricetta, i due agenti hanno chiesto alla farmacista di vedere l'impegnativa che la 42enne non aveva presentato ottenendo ugualmente il farmaco. La dottoressa ha comunque mostrato una ricetta senza nome in cui veniva prescritto il medicinale dicendo che il nome del paziente non
    viene scritto di solito per motivi di privacy. E la stessa cosa ha sostenuto il medico che aveva compilato l'impegnativa. Siccome sostenevano il falso è scattata per entrambi una denuncia.

    RispondiElimina
  12. quelli che si intristiscono come "l'anonimo", che non accettano l'opinione degli altri e che soprattutto si nascondono perchè fondamentalmente gli mancano quei 2 etti di palle che fanno veramente la differenza, mi fanno tanta tanta pena...mio dio che avvilimento...ma perchè vieni su questo blog a rompere i coglioni,chiunque tu sia?

    RispondiElimina
  13. ... caro anonimo (farmacista vero?)tu sai cosa significa cercare un lavoro, fare dei colloqui, avere per un nano secondo l'idea che la tua vita futura è in mano a qualcuno che ti deve giudicare durante un colloquio?noooo tu avevi il camice bianco e candido con la crocetta ben in mostra che il caro paparino ti ha preparato fin dai tuoi primi passi... magari qualcuno è più sfigato di qualcun altro, ma almeno per tutto ciò che può ottenere nella vita, sa che deve dire grazie solo a se stesso!!!

    RispondiElimina
  14. Chiudiamo questa pagina triste. Io so chi è l'autore di questo bel siparietto. E sono a posto così.

    RispondiElimina