mercoledì, settembre 27, 2006

Post sconnesso e incazzato

Girano.
Ooooooh come girano.
Oggi amico mio (e già ti ho chiamato “amico mio”, il momento è grave, lo capisci da te) ho proprio voglia di sfogarmi. Perché proprio io, ti chiedi preoccupato. Perché sì, mettiti comodo e sopportami come fossi un vecchio con la pipa che scanchera contro i numi avversi.
In mezzo al lagnaggio generico, mi permetterò anche di darti qualche consiglio, a te starà coglierlo.
Ma torniamo a me che è anche il mio argomento preferito.
Sono stato trombato. Roba da poco, era un lavoretto part time che facevo non tanto per i soldi (la paga era poco più di un’elemosina) quanto per guardare un po’dello sport che amo. Da una dozzina buona d’anni, una-barra-due volte alla settimana, mi sparavo un paio di ore al freddo, in piedi trattando con trogloditi ben vestiti e trogloditi mal vestiti. Comunque, sempre e solo trogloditi.
Tutto questo per potere poi vedere la mia squadra giocare.
Non che abbia gran importanza, era solo per farti capire che si trattava un po’ di una mia passione, una cosa cui ero affezionato e che facevo da quando ero poco più che cinno (bambino). Mi bullo di aver sempre lavorato piuttosto bene, quantomeno ho sempre cercato di farlo al meglio.
Da ieri ho scoperto che mi sbagliavo. Sono stato salutato senza nemmeno una spiegazione. Pare che dall’alto (dove l’alto non è stato ancora meglio identificato) qualcuno abbia deciso che io facevo entrare gente sarebbe dovuta rimanere fuori. Per cui, via!
Ora, se non lo sai, il luogo in cui lavoravo era un autentico colabrodo. Chiunque entrava gratis. Perché dalla hostess al magazziniere, dal custode al commerciale, ognuno aveva la sua cerchia di amici da blandire. Tutto questo sotto il mio naso. Certo, ma io lo avevo detto, porca troia. Più di una volta. E nessuno aveva fatto una piega. E ci sarebbe poi da divertirsi ad elencare i nomi di quelli che sono passati da me e mi hanno chiesto di far passare tizio o caio. Ed erano tutti della società. Tutti.
Non ti tedio oltre con questa storia.
L’unica cosa che vorrei sapere (se scopri qualcosa dimmelo) è chi mi ha inculato. Ho diverse possibilità.
1) La società per cui lavoro che è il fornitore del servizio per la squadra del cuore. Potrebbero averlo fatto perché il nuovo cliente è avaro e rigido. Può essere che abbian deciso di stroncare con metodo random (salvando paraculati e parenti dei capi, claro), sputare anche un po’ sui capri di turno e non dire una parola. Nel caso, ho io qualcosa da dire a un paio di “amici” con i quali ho mangiato fagioli insieme e che ora si son fatti di nebbia. Fatevi inculare, bastardi.
2) La società sportiva. Non ci credo molto ma da più parti mi giungono suggerimenti in questo senso. Io scrivo stronzate non solo qui ma anche su un forum discretamente frequentato. Pare che molti dei forumisti non allineati con la nuova proprietà di pirati siano stati epurati. Le spie in quel luogo sono tante. Resto dell’idea che uno come me contasse troppo poco. Però, però non escludo nulla, anche perché i suggeritori sono autorevoli.
3) In ultimo c’è una paranoica dagli infimi poteri che da un annetto mi ha preso in strino perché le avrei insidiato una hostess (la genialoide non si è resa conto che con cotanta accusa si rendeva ridicola e nello stesso tempo insultava l’intelligenza della hostess plagiata). Ma dubito molto.
Ma arriviamo alle conclusioni, amico mio. Cosa abbiamo imparato oggi, io e te?
Che nel mondo del lavoro gira un sacco di spazzatura umana che si spaccia per banda di allegri compagnoni (lo sapevi già? Bravo, ricordatelo).
Che essere onesti non porta quasi mai gran culo.
Che a dire o scrivere quello che si pensa non si ottiene mai rispetto, meglio pensarla come quello più grosso nel recinto e leccare culi, non importa quanto pelosi.
E, infine, ho imparato che si può perdere un po' della voglia di tifare per qualcuno che ti incula. Seguirò un po' più lo sport e parecchio meno la squadra.

Non hai capito niente? E’ lo stesso, questa l’ho scritta per me stesso, con la pancia non con la testa.

8 commenti:

  1. non posso che essere d'accordo con te,caro woland. sono delle autentiche merde. soprattutto quelli per cui lavoravi

    RispondiElimina
  2. caro ragazzo, l'importante è la salute...

    RispondiElimina
  3. Fortitudino in cerca di lavoro1:07 PM, settembre 28, 2006

    come disse un saggio "lascia fottere" e consolati con Skifo(sempre che rinnovino il contratto per il campionato). Poi fonda una società di servizi per fare concorrenza a quelle merde. Per tenere i costi bassi puoi reclutare dei cinesi dicendogli che la F ha comprato Yao Ming.

    RispondiElimina
  4. Sai già cosa ne penso del tuo ex datore di lavoro e della gente che lo circonda in via Brugnoli. Solidarietà.
    P.s. Sabato arriva Lollo spagnolo e rimane fino al 9.

    RispondiElimina
  5. la povera hostess plagiata4:30 PM, settembre 28, 2006

    spero che i tuoi dubbi abbiano un senso, altrimenti sarà difficile trattare ancora con la paranoica. quel che è certo è che sul culo le stai.

    RispondiElimina
  6. ciao a tutti, conosciuti e non!
    bel blog z-woland, poi quando ho più tempo magari leggo anche i post e lascio qualche commento sensato.
    Mi son divertito a guardare le foto delle 5 terre, muste e paesaggi niente male!
    se avete voglia e tempo da buttar via potete guardare le mie foto qui
    (ma perchè sto sito non accetta l'attributo "target"?)
    ciao

    ps: mi son ripreso dallo stiramento muscolare e sono pronto per la prossima convocazione

    RispondiElimina
  7. cazzo, non sapevo fossi così bravo a far le foto.
    belle, davvero.

    RispondiElimina
  8. ah, la tua top five di film ce la devi.

    RispondiElimina